Salutiamo Suor Marisa!

Carissima suor Marisa,
Salutarti non è facile perché  si vorrebbero dire molte cose per i tanti anni trascorsi tra noi a servizio delle nostre comunità correggesi e della scuola san Tomaso, poi l’emozione prende il sopravvento e si rischia di dire tanto e niente allo steso tempo. E allora prendiamo in prestito le parole direttamente da don Bosco che esortava i suoi ragazzi a “Fare il bene senza comparire”.
Diceva che “La violetta sta nascosta ma si conosce e si trova grazie al suo profumo.”
Così ti vediamo Sr Marisa, come quella violetta, sempre discreta, umile, dolce e senza comparire. Quanto bene abbiamo respirato intorno a te. Quanti sorrisi ci hanno accolto, quante parole ci hanno consolato e quanto lavoro silenzioso dietro quei lavoretti con le tua mani di fata e la tua precisione grazie ai quali hai saputo coinvolgere i nostri bambini e anche i mercatini missionari e aiutato le missioni, presenti nelle tue preghiere e nel tuo cuore.
Hai speso il tuo tempo e le tue energie per i bambini e i ragazzi che ti sono stati affidati, li hai accolti con un sorriso e hai saputo accompagnarli nella loro crescita, hai collaborato con gli educatori, i catechisti, gli insegnanti e le famiglie incoraggiando tutti nell’opera educativa con generosità e sensibilità.
Certo, il nostro non è un addio, è un arrivederci… Lugagnano non è poi così lontano e saremo ancora uniti nella preghiera.
Suor Marisa, non ti dimenticare dei 17 anni passati a Correggio, dei ragazzi, delle famiglie, degli insegnanti incontrati. Noi saremo sempre grati al Signore e a te per il tuo lavoro, la tua pazienza e la tua missione in mezzo a noi. Chiediamo al Signore di benedire le tue fatiche e donarti salute e serenità in questo nuovo periodo che ti attende.
Ci hai ripetuto un messaggio di don Bosco: “basta che siate giovani perché vi ami assai”, ecco tu, suor Marisa, sei rimasta giovane nel cuore e nello spirito.